Se la ‘colletta’ diventa globale

È il fenomeno social più popolare del momento. Tanto che, lo scorso aprile, persino il settimanale per ragazzi Topolino è arrivato a dedicargli un intero episodio. Stiamo parlando del ‘crowdfunding’, forma di finanziamento dal basso attraverso l’accumulo di versamenti su piattaforme internet dedicate. Una ‘colletta’ che ha assunto le dimensioni di un business globale, visto che nel 2012 si parlava di 2,7 miliardi di dollari raccolti attraverso oltre 800 piattaforme per finanziare più di 470 mila progetti (fonte: Stochkolm School of economics). La stima parla di 5,1 miliardi di dollari per l’anno in corso. I progetti finanziati sono tra i più vari, ma un posto d’onore è occupato da cause socio-ambientali, opere di solidarietà, innovazioni green, iniziative sostenibili e di pubblica utilità.

In realtà forme partecipative di finanziamento dal basso sono sempre esistite. A dare slancio, in tempi recenti, a questa modalità di raccolta fondi è stato il web: internet ha infatti reso possibile sia i pagamenti in forma telematica sia la nascita di comunità virtuali per diffondere in modo virale le idee meritevoli.

A ottobre 2013, secondo un’indagine dell’Italian crowdfunding network, persino l’Italia – Paese tradizionalmente piagato dal ‘digital divide’ – conta 27 piattaforme di crowdfunding attive e 14 in fase di lancio, per la maggior parte operative solo sul mercato nazionale. Dal 2005, anno di nascita della prima piattaforma italiana, ‘Produzioni dal basso’, sono stati pubblicati 14.612 progetti sui 52.074 presentati.

Ma dietro alla parola ‘crowdfunding’ stanno in realtà almeno modelli anche molto diversi tra loro. Quello più interessante per il mondo del non profit, è il modello donation-based, che offre la possibilità di sostenere un progetto solidale contribuendo con piccole quote a fondo perduto. «In questo caso, gioca un ruolo fondamentale la capacità dell’associazione di presentare il progetto in modo interessante – spiega Ivana Pais, sociologa economica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e fondatrice dell’Italian crowdfunding network – e di coinvolgere il maggior numero di utenti attraverso il passaparola digitale. L’elemento innovativo, infatti, consiste soprattutto nelle possibilità offerte da internet di allargare la propria cerchia di contatti».

Come raggiungere il maggior numero possibile di donatori o finanziatori? Può essere utile innanzitutto capire il profilo dei potenziali finanziatori e quali motivazioni li spingono a devolvere cifre più o meno alte a un progetto conosciuto sul web. La sociologia economica ha già dato il via ai lavori di ricerca, concentrandosi su una particolare figura: il personal fundraiser. Un comune cittadino che, pur non lavorando per la onlus, si attiva con particolare entusiasmo nella raccolta fondi online per contribuire in maniera efficace al successo del progetto di crowdfunding, coinvolgendo e stimolando altri utenti a donare. «Dalla nostra ricerca è emerso che esistono molti personal fundraiser che raccolgono anche cifre ragguardevoli, girandole completamente alle onlus – spiega Paola Peretti, fondatrice della onlus CrazyforDigital Marketing e coautrice della ricerca insieme a Ivana Pais, intervenute al convegno “Crowdfunding: nuove opportunità per crescere in Italia e nel mondo” nell’ambito del Salone della Csr e dell’innovazione sociale –. Le onlus dovrebbero individuarli, comprenderne a fondo le motivazioni e farne degli alleati preziosi ogniqualvolta intendono dare il via a un progetto di crowdfunding».

Anche in questo caso, la comunicazione svolge un ruolo fondamentale: se la onlus riesce a trasmettere con efficacia l’importanza del proprio progetto, è più facile catalizzi l’attenzione di un personal fundraiser che la aiuti a raggiungere più rapidamente l’obiettivo.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.